Slide 1

LoginClose

Inserisci il tuo Cognome e Nome come Username e il tuo numero di protettore, come indicato sulla tessera (Tessera n°), come Password.

Istruzioni per l'accesso all'area riservata ai Protettori

Corsi per Alfieri e Tamburini

L'inizio dei corsi è previsto per lunedì 30 marzo ore 18,00 e mercoledì 1 aprile ore 18,00 per proseguire dopo Pasqua da mercoledì 8 con i seguenti orari:

Lunedì e mercoledì ore 18.00 e venerdì ore 18,30

Il Protettorato

Gli addetti al protettorato sono a disposizione per fornire informazioni e chiarimenti. Il protettorato può essere versato scegliendo fra varie metodologie di pagamento.

Il Protettorato

Documento Magistrato delle Contrade

Di seguito il documento redatto dal Magistrato delle Contrade già anticipato sia in Consiglio di Seggio che in Assemblea.

On.do Rettore 

Fabio Pacciani

 

Al termine della stagione paliesca il Magistrato delle Contrade, dopo avere effettuato gli opportuni approfondimenti sull’argomento, ritiene necessario sottolineare e ricordare che la Festa e la vita delle Contrade si svolgono secondo precise regole scritte, in particolare il Regolamento per il Palio emanato dal Comune di Siena, e in accordo a regole di comportamento anche non scritte cui le Contrade si attengono da sempre in modo naturale. In questo contesto di vera e propria autoregolamentazione si svolge il Palio, con meccanismi di valutazione dei comportamenti di tutti i suoi attori da parte del Comune e di successive, eventuali sanzioni che sono unanimemente rispettati.

 

Il Magistrato ritiene che questa autoregolamentazione sia ancora utile a svolgere quella importante funzione regolatrice che ha consentito nel tempo il mantenimento delle peculiarità della Festa e delle Contrade e dei loro grandi, benefici effetti sulla vita della città.

Il Magistrato pertanto ribadisce come essenziale che ciascun attore del Palio (Contrade, dirigenti, contradaioli, fantini) abbia la consapevolezza della assoluta necessità di agire nel rispetto delle regole esistenti, pena non solo l’applicazione di sanzioni in ogni caso afflittive seppur sempre all’interno del mondo paliesco, ma altresì il concreto rischio, insieme ad una valutazione di insufficienza del principio dell’autoregolamentazione, di interventi esterni con gravi effetti sul quadro contradaiolo delineato dalle proprie regole e dai propri principi.

Il Magistrato si rivolge alla sensibilità di contradaioli e dirigenti perché continuino a sollecitare che nelle Contrade si rifletta su questa esigenza e se ne prenda reale consapevolezza.

Con particolare riferimento alla circolazione in rete di immagini filmate della Piazza in occasione della corsa e del dopo corsa degli ultimi Palii, il Magistrato ricorda che, in forza della convenzione sottoscritta tra il Comune di Siena organizzatore della Festa, il Consorzio per la Tutela del Palio e il Magistrato stesso, è il Consorzio ad avere l'esclusiva sia della produzione che dell'eventuale cessione delle immagini filmate relative alle batterie della tratta, alle prove, alla corsa del Palio e a tutto quanto avviene nel Campo da quando e fintanto che l'accesso alla pista è proibito; senza l’autorizzazione del Consorzio, pertanto, dette immagini non possono essere riprese né tanto meno essere utilizzate o distribuite. È necessario che di tale circostanza siano bene edotti tutti i privati, sia contradaioli, senesi e ospiti che con mezzi personali acquisiscono immagini e le riversano in rete senza autorizzazione, sia quegli organi di comunicazione che utilizzano immagini del genere in trasmissioni o nei loro siti, a maggior ragione se si tratta di organi di informazione fortemente radicati nel territorio della nostra città dai quali è lecito attendersi la massima sensibilità verso la Festa. In materia il Consorzio ha già corso le attività idonee a promuovere tutte le iniziative utili a tutelare il rispetto dei propri diritti.

Avendo inoltre rilevato che negli ultimi anni sempre più è invalso l’uso di inserire in rete e nei vari social immagini del dopo corsa e commenti di ogni genere, il Magistrato, pur nella consapevolezza di non avere talvolta a disposizione mezzi efficaci per opporsi a tutto ciò, tuttavia ritiene di dovere invitare i senesi e i contradaioli, nonché gli organi di informazione tradizionalmente più vicini alla città e al Palio, a riflettere che tali comportamenti possono portare pesanti negatività sul Palio e sulle Contrade. Da un lato, infatti, possono consentire di estrapolare dal contesto generale immagini e/o dichiarazioni che singolarmente prese possono avere un effetto addirittura diffamatorio – più o meno consapevole – per la Festa e per i suoi attori, evidenziando momenti e atteggiamenti che sono in netto contrasto con le regole e i principi sopra richiamati e quindi non rappresentativi della vita reale delle Contrade e del normale svolgimento del Palio; dall’altro lato il risalto continuo e ripetuto che viene dato a tali irregolari comportamenti può creare equivoci e inutili tensioni a scapito del confronto personale e diretto che costituisce il modo positivo e tradizionale di vivere la Contrada, nonché quello storicamente efficace per consentire lo sviluppo corretto delle nostre 17 comunità e della Festa che le riunisce.

 

                                                                                                              MAGISTRATO DELLE CONTRADE

Ecomuseo

Il sito dell’Ecomuseo di Siena (www.ecomuseosiena.org) è una “vetrina espositiva multimediale” del patrimonio culturale materiale ed immateriale, dei beni conservati, dei saperi e del territorio delle diciassette Contrade.

Il progetto, promosso dalla Prefettura di Siena e da Fondazione Musei Senesi, coordinato dal Magistrato delle Contrade di Siena e dal Consorzio per la Tutela del Palio, è stato realizzato direttamente da persone che, con entusiasmo e passione, si sono attivate in tutte le Contrade per la scelta dei soggetti e la realizzazione delle schede.

L’Ecomuseo di Siena, almeno nella configurazione attuale, potrebbe chiamarsi “ecomuseo delle Contrade di Siena” (bruco) in quanto le schede che lo compongono sono esclusivamente delle 17 Consorelle ed al momento non si prevede l’apporto di altre istituzioni, anche se non lo si esclude per il futuro. In ogni caso la gestione e le decisioni strategiche sono del Magistrato e del Consorzio. 

Le Contrade hanno realizzato 248 schede e alcune in particolare hanno prodotto lavori molto curati ed arricchiti da immagini, filmati, multimedia, links ecc.; nel complesso è stato fatto un lavoro decisamente di rilievo per rappresentare gl’innumerevoli volti della nostra città e la sua anima, vale a dire le sue contrade.

Per andare incontro alla grande fruibilità consentita dalla tecnologia informatica l’ecomuseo, dalla metà dell’agosto 2014, é visitabile allo stesso indirizzo da cellulari e i-pad.

La homepage è strutturata in riquadri, con lo stemma del Magistrato delle Contrade ed i menù a tendina. Nel primo riquadro in alto a sx scorre una gallery di vedute del Campo, Palazzo Pubblico, barberi ecc. A dx in alto c’è il riquadro “mappa” dal quale si accede alla navigazione geografica. Poi troviamo un riquadro info dal quale si possono avere notizie sull’ecomuseo e sulle Contrade. Infine due riquadri “segnala” e “news”. Il footer riporta i riferimenti del Magistrato e della Fondazione Musei Senesi.

Dalla mappa si accede alle schede (es giardini del bruco o Oratorio), che possono essere ricercate per categoria e sotto-categoria, per singola Contrada o per gruppi di Contrade. Inoltre la ricerca può essere fatta per cronologia o tramite parole chiave. Le schede sono rappresentate sulla mappa da puntatori di Google maps di colore diverso a seconda delle categorie. I puntatori animati (lampeggianti) rappresentano beni diffusi (vale a dire che non hanno una collocazione geografica precisa), a differenza di quelli segnalati con puntatori statici.

Lavori in corso d’opera

Le schede, essendo sottoposte ad un vaglio costante da parte dei navigatori, possono essere costantemente migliorate sulla base di segnalazioni e di verifiche periodiche ad opera degli addetti delle contrade, in accordo con il Magistrato  e con la preventiva approvazione dei priori delle contrade interessate.Inoltre è prevista una traduzione in inglese dell’intero ecomuseo.L’invito a tutti i contradaioli è di visitarlo e farlo visitare, per far conoscere cosa permette di far vivere da molti secoli il Palio e le contrade.